Molini Lo Presti, prove tecniche di intesa con l’Autorità portuale

Molini Lo Presti, prove tecniche di intesa con l’Autorità portuale

L’Amministrazione comunale non solo è impegnata a salvare i Molini Lo Presti da una vendita all’asta che avrebbe del clamoroso visto che la cifra è inferiore ai 3 milioni di euro, praticamente un terzo del reale valore dell’immobile di via dei Mille, ma intende anche renderlo produttivo. Come? Attraverso una collaborazione con l’Autorità portuale. Tra qualche giorno si terrà una riunione del comitato portuale ed il sindaco Giovanni Formica chiederà al presidente dell’Autorità, Antonino De Simone di discutere degli investimenti che l’ente messinese dovrà pianificare in questo triennio di gestione straordinaria con il cospicuo avanzo di amministrazione.
L’idea è di ribadire l’opportunità di realizzare, proprio ai Molini lo presti, la porta del mare, non chiedendo più che il bene venga acquistato, ma manifestando la disponibilità a cederlo in uso anche solo parzialmente. Questo permetterebbe di fare nascere una “cittadella dei servizi del porto”, trasferendo nel polo la Capitaneria e tutte le altre attività presenti lungo il molo Marullo sul quale, al posto loro, potrebbero sorgere, ad iniziativa dei privati, attività al servizio del turismo, anche crocieristico.
“Ritengo che si tratti di un ipotesi interessante per la città, che va realizzata– ha detto il sindaco Giovanni Formica – perché ci consentirebbe di porre fine ad anni di inerzia che hanno portato i Molini Lo Presti nelle condizioni che conosciamo. Questa sinergia con l’Autorità portuale di Messina ci darebbe la possibilità di ottenere la riqualificazione dell’edificio senza oneri per il Comune, che in atto non può neppure immaginare di fare. E ancora se è vero che il porto si prepara ad ospitare le grandi navi da crociera, la scommessa Molini va ancor più portata avanti. Perché può rappresentare una svolta per dare alla città di Milazzo quelle soluzioni che consentano di trovare nel waterfront un opportunità di crescita e sviluppo. In tale ottica la disponibilità di tutti gli immobili del Molo Marullo ci permetterà di trasformare una anonima banchina che ospita uffici istituzionali in un accogliente luogo turistico a supporto della nautica da diporto e del crocierismo. Quell’area – prosegue il sindaco – attraverso il cambio di destinazione d’uso, dovrà caratterizzarsi, per la presenza di ristoranti e strutture dedicate ai turisti e di supporto alla nautica come avviene nei “canali” di Copenaghen o a Barcelona di Spagna. E andrebbe ad integrarsi col progetto che da sempre l’Autorità portuale intende sviluppare a supporto del crocierismo con l’allargamento del dente di Molo Marullo per l’attracco delle navi da crociera di grosse dimensioni e con la previsione di strutture idonee alla sosta in rada come avviene in tante città. Insomma credo che getteremo le basi per dare importanti prospettive alla città sfruttando la risorsa principale che è il mare”

  

Articoli simili

Posta un commento