Milazzo. Ieri giornata regionale dei marittimi al Santuario di San Francesco

Milazzo. Ieri giornata regionale dei marittimi al Santuario di San Francesco

In occasione del Giubileo della Gente di Mare, si è svolta, all’interno del Santuario di San Francesco di Paola, la giornata regionale dei marittimi promossa dall’Apostolato del Mare, con la collaborazione del Comune e della Capitaneria. La cerimonia è stata introdotta con il saluto del rettore Mario Savarese, seguito da una breve conferenza sui Patronati di San Francesco a cura del professore Salvatore Italiano, che ha premesso all’intervento la comunicazione che era stato realizzato dall’orafo Antonello Piccione un nuovo reliquario per consentirne l’uscita, in occasione dei festeggiamenti, senza intaccare e mettere a rischio le preziosissime reliquie testimonianza del passato. “Una copia delle reliquie del Santo –ha detto Italiano- resa possibile dalla fede della gente di Milazzo verso il Santo di Paola, avendo messo a disposizione l’argento necessario per la realizzazione dell’opera”. Quindi il relatore dopo avere puntualizzato che il Santuario milazzese è l’unico costruito in Sicilia, ha detto che la celebrazione del Giubileo avveniva nel 6^ centenario della nascita di San Francesco di Paola, patrono della gente di mare.

Condivisa dal direttore nazionale dell’Apostolato della gente di mare, Don Natale Ioculano, la celebrazione mamertina, è quindi seguita sulla stessa una breve riflessione del sindaco Giovanni Formica, “un evento –egli ha detto- che è festeggiato dai milazzesi con l’amore e la passione della gente di mare”. Dallo stesso un accenno alla gente che sul mare e per il mare ha comunque perso anche la vita e che ha riportato alla memoria tragici eventi, come quello di una petroliera andata in fiamme e che causò nella disgrazia la morte di 26 marittimi, e tra questi quella del milazzese Domenico Maisano. Nel ricordo gli organizzatori hanno consegnato una targa alla famiglia. Un accenno pure al terzo anniversario del tragico incidente del Segesta a Messina che causò la morte di alcuni passeggeri, e soprattutto la più recente tragedia che costò la vita al milazzese Tusa, al cui ricordo –come anticipato dalla Capitaneria di porto- sarà prossimamente intitolata la sala operativa, locale nel quale egli aveva svolto servizio per alcuni anni. Infine pure un doveroso richiamo al prezioso servizio che sul territorio nazionale svolge la Stella Maris, per l’occasione rappresentata a Milazzo anche da diversi centri della Sicilia.

 

Articoli simili

Posta un commento