Train to be cool. I poliziotti della Polizia Ferroviaria al Caio Duilio di Messina

Train to be cool. I poliziotti della Polizia Ferroviaria al Caio Duilio di Messina

Proseguono gli incontri nell’ambito del progetto “Train… to be cool”, ideato dal Servizio di Polizia Ferroviaria del Dipartimento di Pubblica Sicurezza del Ministero dell’Interno.

Ieri i poliziotti della locale Sezione di Polizia Ferroviaria hanno incontrato gli studenti dell’I.T.T.L. “Caio Duilio” di Messina. Dopo il saluto del dirigente scolastico, che ha rimarcato l’importanza didattica e formativa della collaborazione con la Polizia di Stato nell’esperienza scolastica, i poliziotti hanno illustrato i principali compiti della Polizia Ferroviaria, i principali rischi connessi al mondo ferroviario, i comportamenti da evitare e da adottare, nelle stazioni e sui treni. Gli agenti hanno informato gli studenti sui rischi presenti nello scenario ferroviario, sensibilizzandoli ad adottare comportamenti responsabili per la propria ed altrui incolumità.

Con gli studenti sono stati discussi fatti di cronaca avvenuti in tutto il territorio nazionale che hanno visto coinvolti giovani rimasti vittime di vari incidenti dovuti a comportamenti “a rischio” o a gesti irresponsabili ed imprudenti quali l’attraversamento dei binari, la distrazione derivante dall’utilizzo delle cuffiette per ascoltare la musica durante la loro permanenza in stazione, i tentativi di salita a bordo con treno in movimento il lancio di oggetti in direzione dei convogli in transito, la posa di ostacoli sui binari, l’introduzione abusiva in aree interdette, l’imbrattamento ed il danneggiamento del materiale e delle infrastrutture ferroviarie.

L’incontro è stato particolarmente apprezzato dai ragazzi, tra cui molti studenti pendolari che si avvalgono del mezzo ferroviario, che hanno mostrato interesse e posto numerose domande, alle quali gli operatori Polfer hanno risposto, raccontando in primo luogo le loro esperienze. L’incontro è stato supportato da slides e filmati, tra i quali alcuni direttamente realizzati da studenti di scuole medie superiori. Alla fine, è stato richiesto ai ragazzi di aderire ad un questionario di gradimento finale.

Articoli simili

Posta un commento