IL RESTAURO DEL MONUMENTO AI CADUTI DI RENDE

IL RESTAURO DEL MONUMENTO AI CADUTI DI RENDE

rende1Lunedì 23 luglio, cosi come previsto allinterno delle attività del Corso in Conservazione e Restauro dei Beni Culturali”, realizzato dalla Scuola di Alta Formazione CO.RE., prenderà il via lo stage finale del Corso che prevede lintervento di restauro del monumento ai caduti sito in piazza degli Eroi nel centro storico di Rende.

Lintervento di restauro sarà direttamente realizzato dallimpresa Nova Ars di Gianluca Nava, che ha anche, con Giuseppe Mantella, coordinato lintero Corso di Alta Formazione. Il restauro prevede la pulitura di tutte le superfici sia bronzee che lapidee, il consolidamento delle parti bronzee, la ricollocazione delle modanature marmoree con la bonifica dei processi ossidativi delle porzioni metalliche, e un adeguato trattamento finale di protezione.

Sa un intervento a perfetta regola darte e un restauro di quali e davvero molto particolare poiché il monumento è stato realizzato con materiali costitutivi ibridi che si stavano progressivamente degradando assicura Gianluca Nava, che oltre a coordinare il progetto ne è anche patrocinatore avendone garantito la sua realizzazione dal punto di vista professionale e imprenditoriale, e aggiunge sarà un intervento esemplare perché condotto sotto forma di stage e quindi teso oltre che ad avere un risultato eccellente anche a formare in maniera esemplare i corsisti di CO.RE. che dovranno a loro volta intervenire”.

Siamo davvero soddisfatti del programma di attivi culturali che stiamo portando avanti in strettissima collaborazione con lAmministrazione Comunale ed in particolare con lAssessora Marina Pasqua delegata per il centro storico afferma il Presidente di CO.RE., prof. Armando Rossi sono, infatti, già in pubblicazione sul nostro sito www.corecultura.org i bandi per i corsi di Alta Formazione del periodo settembredicembre in Archeologia e Archeometria e Restauro Architettonico e con questo corso che stiamo per terminare sui beni culturali abbiamo anche la possibilità di iniziare a lasciare traccia sul territorio con interventi di restauro concreti, così come ci auspichiamo succeda con tutti le altre attività

Articoli simili

Posta un commento