Panettiere ucciso, tre fermati

Panettiere ucciso, tre fermati

Sono stati fermati con l’accusa di omicidio volontario in concorso e porto e detenzione di munizioni ed arma clandestina i tre giovani che erano sospettati dell’omicidio del titolare di un panificio, Sebastiano Sortino, 49 anni, ucciso due notti fa a Floridia (Sr). I due minorenni sono stati trasferiti al centro prima accoglienza minori di Catania; il maggiorenne, Dylan Foti, 19 anni, è stato chiuso nel carcere Cavadonna di Siracusa. Secondo i militari dell’Arma l’omicidio è scaturito per una vendetta dei tre giovani dopo un’accesa lite con la vittima. Dalla ricostruzione è emerso che alle 3 di sabato scorso, i tre giovani si sono presentati nel panificio come loro abitudine per consumare cornetti e pizzette. Poi avrebbero iniziato a prendere e lanciare dei pezzi di pellet utilizzato per l’accensione del forno. Un comportamento chiassoso ed irriverente che ha indotto un dipendente a contattare il proprietario che si è precipitato nel panificio ed ha cacciato dal locale i tre giovani. Poi l’agguato.

Articoli simili

Posta un commento