Riunione tra i gestori del Borgo e l’Amministrazione comunale di Milazzo

Riunione tra i gestori del Borgo e l’Amministrazione comunale di Milazzo

Un patto tra l’Amministrazione di Milazzo ed i gestori dei locali del Borgo per contemperare le giuste esigenze dei residenti e di coloro che animano il centro della movida notturna mamertina.

Si sono lasciati nel segno della collaborazione i titolari delle attività situate ai piedi della cittadella fortificata e i rappresentanti dell’Amministrazione (il vicesindaco Ciccio Italiano e l’assessore all’Ambiente, Damiano Maisano), dopo la riunione tenutasi questa sera nella sala giunta del Comune. Un incontro nato a seguito dell’ordinanza “anti-movida”, diramata nei giorni scorsi dal sindaco Giovanni Formica dopo i dirompenti scenari di degrado rilevati il giorno successivo alla notte di sabato scorso. Un provvedimento che ha fissato la possibilità di proporre musica sino a mezzanotte nei giorni di venerdì, sabato e domenica, un’ora prima nelle altre giornate.

Un segnale forte quello dell’Amministrazione che ha voluto imporre il rispetto delle regole su una serie di questioni: non solo quella igienico-sanitaria (che comunque ha influito parecchio) ma anche la viabilità e la convivenza pubblica con i residenti del quartiere che ormai viaggiano alla media di una denuncia al giorno su quanto avviene nelle notti della movida.

«Il sindaco – hanno detto gli assessori Italiano e Maisano – limitando la musica all’esterno, intende lanciare un segnale agli operatori che fino ad oggi non hanno dimostrato disponibilità a rispettare le regole. Ora attende le loro proposte. Magari dialogando tra di voi si troveranno le soluzioni per ripristinare il decoro».

I titolari delle 12 attività commerciali che sono presenti nella zona hanno ammesso che sino ad oggi ci sono state delle criticità, non tutte a loro addebitabili – si sono giustificati – in quanto su alcuni aspetti (vedi raccolta differenziata) è mancata l’annunciata collaborazione del Comune. Noi siamo d’accordo sulla necessità di rispettare le regole anche perché, se tutto va per il verso giusto, i vantaggi saranno anche nostri». Quindi la richiesta all’Amministrazione di conoscere quali sono i punti da rispettare, ma la risposta di Italiano è stata secca: «Non ci sono punti da rispettare. Occorre rispettare le regole e far sì che si pongano fine ai tanti problemi esistenti e che sono sollevati anche dai residenti».

Nel corso dei vari interventi è emersa la buona volontà di venire incontro alle esigenze di tutti i cittadini. «Il nostro impegno sarà di curare e ripulire le aiuole, non somministrare più bottiglie di vetro, ma solo bevande in plastica, sensibilizzare i clienti a gettare i rifiuti nei cestini».

Per il momento l’ordinanza resta in vigore.

Articoli simili

Posta un commento