La Polizia di Stato di Catania ha arrestato una donna di 40 anni per furto nelle abitazioni dove svolgeva attività di pulizie

La Polizia di Stato di Catania ha arrestato  una donna di 40 anni  per furto nelle abitazioni dove svolgeva attività di pulizie

Le indagini dei poliziotti  del Commissariato di PS “Borgo Ognina” unitamente a personale della Sezione di PG presso la Procura per i Minorenni, sono partite a seguito di una denuncia di una delle parti offese.Dopo aver subito il furto di molteplici oggetti i valore e vestiti, a tutela del proprio patrimonio si determinava di disporre un impianto di video-sorveglianza volto a riprendere l´interno e l´esterno della propria casa: ed ecco che nel video acquisito ai fini investigativi, si vede chiaramente la citata donna entrare nella camera da letto, frugare in alcuni cassetti e dopo averlo pesato manualmente, portar via un braccialetto. Ciò posto appresa la responsabilità della citata domestica in ordine al reato di furto, il personale della Polizia di Stato bloccava la signora mentre la stessa era in procinto di entrare nella propria autovettura per andare via. Nell´occorso, vista la flagranza di reato, si procedeva a perquisizione personale che veniva estesa anche presso il domicilio dell´arrestata.
Nella circostanza, all´interno della borsa della donna venivano rinvenuti e restituiti al legittimo proprietario una collanina ed il sopradescritto braccialetto in oro giallo. Altresì, nel domicilio venivano rinvenuti 9 (nove) orologi di varie marche, 4 (quattro) polizze di Pegno ed una collanina color oro ed il tutto veniva sequestrato.
Durante l´attività di indagine, emergeva che l´arrestata si era già disfatta di detti oggetti di valore vendendoli ad alcuni titolari di attività di “Compro Oro” e impegnandoli al Monte dei Pegni.
Da ulteriori accertamenti effettuati, emergevano diverse operazioni registrate a nome della stessa presso due compro Oro insistenti nel capoluogo di Catania. La signora, in lacrime, ammetteva le proprie responsabilità e riferiva di avere fatto ciò per motivi legati alle asserite difficoltà economiche che stava attraversando il proprio nucleo familiare e ciò nonostante il marito avesse un lavoro stabile.
Dalle denunce sporte, emergono numerosi ammanchi quali orecchini, anelli, bracciali, collane, orologi tutti in oro e non solo, per un valore di oltre 10.000,00 euro per una sola denunciate mentre si riservano le altre due vittime di quantificare il valore dei preziosi.

Articoli simili

Posta un commento