Amore malato. La Polizia arresta 21enne per stalking e incendio

Amore malato. La Polizia arresta 21enne per stalking e incendio

– Perseguita l’ex e incendia l’auto di un amico –

Un forte boato, poi le fiamme che hanno distrutto completamente l’auto presa di mira e lambito alcuni tubi del gas della rete cittadina. E’ successo lo scorso dicembre, nella zona nord della città.

L’autore dell’incendio è un giovane messinese, M.T. di 21 anni, arrestato dagli agenti delle Volanti a seguito di esecuzione dell’ordinanza di misura cautelare emessa dal GIP del Tribunale di Messina, d.ssa Maria Vermiglio, su richiesta del Sostituto Procuratore, dr. Piero Vinci.

A spingere il ventunenne a provocare l’incendio un’insana gelosia nei confronti dell’ex fidanzata, una coetanea, con la quale aveva chiuso a novembre e che aveva continuato a perseguitare sino alla notte dell’incendio.

Inizialmente le minacce erano arrivate via WhatsApp, indirizzate all’ex e a tutti i suoi amici. Dal display ai muri sotto casa e sul posto di lavoro sui quali aveva imbrattato il nome e il cognome della ragazza seguiti da insulti. Erano seguiti gli appostamenti sotto casa: il ventunenne era stato sorpreso a lanciare sassi contro la finestra di casa dell’ex da un vicino al quale, per ripicca, aveva tentato di dare fuoco all’auto. Infine l’atto finale, quello di dicembre scorso.

Quando il ventunenne ha visto rientrare a casa l’ex con un amico, ne ha incendiato l’auto.

I successivi accertamenti dei poliziotti delle Volanti hanno permesso di ricostruire la vicenda e arrivare alla misura cautelare oggi eseguita.

Il ventunenne è al momento agli arresti domiciliari. Danneggiamento aggravato, seguito da incendio e atti persecutori i reati contestati.

Articoli simili

Posta un commento