FINTO VIGILE URBANO FERMATO DALLA POLIZIA DI STATO NEL 2015. OGGI LA CONFISCA DI CIRCA 400 MILA EURO DI BENI

FINTO VIGILE URBANO FERMATO DALLA POLIZIA DI STATO NEL 2015. OGGI LA CONFISCA DI CIRCA 400 MILA EURO DI BENI

 

Nel mese di Ottobre 2015, al termine di una complessa attività investigativa contro il fenomeno delle truffe in danno di anziani, la Polizia di Stato di Torino aveva proceduto alla cattura di un uomo su ordine di custodia cautelare in carcere emesso dal GIP del Tribunale di Torino.

L’uomo era accusato di aver commesso due furti in abitazione in danno di anziani ultraottantenni residenti a Torino e a Chieri; in particolare aveva vestito i panni del “finto vigile urbano”, carpendo la fiducia di una anziana donna che lo faceva entrare in casa. Tutta la scena fu ripresa da una telecamera installata all’interno dell’abitazione dell’anziana signora  da parte dei parenti. Grazie a questo elemento è stato possibile identificare l’uomo nonché associarlo ad altri otto analoghi episodi delittuosi – per i quali veniva condannato ad oltre due anni di reclusione nel settembre 2016.

La Squadra Mobile di Torino, su disposizione del Tribunale ordinario di Torino, sezione misure di prevenzione ha pertanto provveduto a confiscare quanto già sequestrato in esecuzione delle misure cautelari dell’Ottobre 2015: oltre ad aver sottoposto l’uomo alla misura della sorveglianza speciale con obbligo di dimora per due anni, il procedimento di prevenzione ha consentito la confisca di circa 400 mila euro tra somme custodite su conti correnti, polizze assicurative e libretti postali, nonché numerosi preziosi tra orologi e gioielli, per un valore stimato di oltre 200 mila euro nonché un’autovettura.

Il procedimento di prevenzione, che si è concluso in questi giorni, ha consentito di rendere ulteriormente giustizia alle vittime di tali odiosi reati colpendo il patrimonio accumulato illecitamente dall’uomo e da altri soggetti appartenenti alla cerchia dei suoi familiari, tutti di etnia sinti, le cui sostanze si sono rivelate assolutamente ingenti e sproporzionate rispetta alle loro (inesistenti) attività lavorative.

 

Articoli simili

Posta un commento