Conclusa la fase finale del progetto “Pusher” per il contrasto alla commercializzazione di sostanze stupefacenti

Conclusa la fase finale del progetto “Pusher” per il contrasto alla commercializzazione di sostanze stupefacenti

Il 6 febbraio scorso si è conclusa la fase finale del progetto “PUSHER”, che ha visto le Squadre Mobili, coordinate dal Servizio Centrale Operativo della Direzione Centrale Anticrimine, impegnate in una mirata azione di contrasto alla commercializzazione di sostanze stupefacenti.

In particolare, sono stati conseguiti i seguenti risultati operativi:

244 soggetti tratti in arresto per violazione della normativa in materia di stupefacente, dei quali:
121 italiani e 123 stranieri;
225 uomini e 19 donne;
128 deferiti in stato di libertà;
87 sanzioni amministrative comminate per violazione della normativa in argomento;
il sequestro di ingenti quantitativi di stupefacente, ovvero:
circa 19 chilogrammi di cocaina;
circa 2 chilogrammi di eroina;
circa 18 chilogrammi di hashish;
circa 1.800 chilogrammi e 308 piante di marijuana;
circa 300 grammi di droghe sintetiche;

L’operazione, la cui fase centrale si è svolta nel fine settimana, ha previsto l’impiego delle donne e degli uomini delle 103 Squadre Mobili, che hanno lavorato in stretto raccordo con il Servizio Centrale Operativo, gli Uffici Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico, i Commissariati, i Reparti Prevenzione Crimine, i Gabinetti Interregionali della Polizia Scientifica e le competenti articolazioni territoriali della Polizia di Stato.

Tra le attività svolte, si segnalano:
 il sequestro di oltre 1.700 chilogrammi di marijuana, effettuato da investigatori delle Squadre Mobili di Bolzano e Verona, occultati a bordo di un rimorchio contenente un carico di frutta. Nell’occasione, sono stati tratti in arresto 3 cittadini serbi;

 il sequestro di oltre 14 chilogrammi di cocaina, effettuato da investigatori della Squadra Mobile di Torino, occultati a bordo di un’auto condotta da un cittadino albanese, successivamente tratto in arresto;

 il sequestro di 308 piante di marijuana, nell’ambito di una mirata attività antidroga svolta dalla Squadra Mobile di Palermo, d’intesa con quel Commissariato “San Lorenzo”; nell’occasione, è stato tratto in arresto un cittadino palermitano.

Più in generale, dal 1° luglio 2016 al 1° febbraio 2017, in esito alle attività investigative condotte dalle Squadre Mobili, anche in sinergia con i Commissariati di P.S., sono state eseguite 57 operazioni antidroga.

Nel periodo segnalato, nel corso delle principali attività svolte dalle Squadre Mobili e dai Commissariati di P.S.– anche in considerazione di interventi di iniziativa, in flagranza di reato, o attività in cui la violazione della normativa in materia di stupefacenti è stata contestata in concorso con altri reati – sono stati conseguiti i seguenti risultati operativi:

1.159 persone colpite da misure restrittive, ed in particolare:
388 soggetti arrestati in flagranza di reato;
3 soggetti sottoposti a fermo di indiziato di delitto svolti di iniziativa dalla polizia giudiziaria;
28 soggetti sottoposti a fermo di indiziato di delitto emessi dalle competenti Autorità giudiziarie;
608 soggetti colpiti da ordinanza di custodia cautelare in carcere;
132 soggetti colpiti da ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari.

il sequestro di oltre 6.500 chilogrammi di stupefacente, ed in particolare:
oltre 193 chilogrammi di cocaina
oltre 45 chilogrammi di eroina;
oltre 1.100 chilogrammi di hashish;
oltre 5.230 chilogrammi di marijuana;
oltre 1,5 chilogrammi di droghe sintetiche.

Articoli simili

Posta un commento