Milazzo, il consiglio comunale approva la rateizzazione dei tributi fino a 36

Milazzo, il consiglio comunale approva la rateizzazione dei tributi fino a 36

Il consiglio comunale ha approvato a maggioranza con 16 voti un emendamento alla proposta del sindaco Giovanni Formica di modifica dell’art.29 del regolamento generale delle entrate comunali approvato con delibera del consiglio comunale n.52 del 28 aprile 2007. Scelta pertanto obbligata per non compromettere alla fine pure l’approvazione della proposta di delibera che superava così la prova del voto ad unanimità dei presenti della coalizione di maggioranza.

In estrema sintesi il voto del civico consesso permette la rateizzazione fino a 36 rate anche senza la dimostrazione di un concreto problema economico (requisito previsto nella versione precedente). Oltre i seimila euro, però, l’attività commerciale che vuole ottenere la dilazione del pagamento deve dimostrare di avere una fideiussione assicurativa o bancaria che garantisca il pagamento.

Lavori d’aula dunque limitati a schermaglie procedurali che hanno portato alla bocciatura di un emendamento sulla proposta di delibera presentato da Centristi ed illustrato da Rosario Piraino, pur se il consigliere Giuseppe Midili lo considerava migliorativo per i commercianti prevedendo esso rateizzazioni ed uno scaglionamento più favorevole per il pagamento dei loro debiti nei confronti del Comune. Toni accesi poi quando si è riproposto un giudizio di legittimità su un deliberato del consiglio del 2011, con il quale venivano determinate le rateizzazioni. “La proposta non ha seguito la procedura di legge ed è illegittima” –ha sostenuto il sindaco-, con Midili che ha replicato: “Se è illegittima, come sono da considerare gli atti che ne sono scaturiti”? Il deliberato ha fatto incassare soldi al Comune, “ma se è illegittima la procedura –ha aggiunto Midili- c’è da preoccuparsi”. Lo stesso consigliere ha poi sostenuto la necessità di mettere i contribuenti in condizione di poter pagare le rateizzazioni, contestando con questo la soglia fissata per la presentazione di una fideiussione. E per Simone Magistri la fideiussione potrebbe precludere addirittura il ricorso alla rateizzazione, portando conseguentemente il contribuente a non pagare.

Intanto domani sera si tornerà in aula alle ore 19,30 e si andrà avanti con gli altri argomenti previsti all’ordine del giorno della sessione ordinaria.

Articoli simili

Posta un commento