VOLETE “SCAZZARVI ” UN PO’

VOLETE “SCAZZARVI ” UN PO’

Edoardo Macrì – Per un motivo o per l’altro, siamo sempre incazzati. Nulla o come vorremmo che fosse. C’è sempre qualcosa che ci inquieta e vorremmo che il benessere continuasse per sempre. Nessuno guarda la bellezza della natura che ci circonda, per quietarsi. Allora vorrei dare un consiglio a tutti. Andate a Ponente sull’imbrunire e guardate il tramonto del sole. Il cielo si colora in rosso, un rosso che ci affascina, ci incanta e ci distende, facendoci ” scazzare “, pensando all’infinito del nostro universo.

A volte, si può scorgere anche il raggio verde, proprio nel momento in cui si vede al nostro orizzonte l’ultima cupola del sole. E’ un istante in cui si intravedono appunto, sul sole che sta scomparendo, dei riflessi verdi. Sono visibili, non sempre però, in un attimo. E chi non lo coglie ………… Ma vale la pena riprovarci e riprovarci, perchè quello è un momento fatato, pieno di fascino, che ti induce al rilassamento ed alla pace. E si vedono anche le nostre Isole, tutte da Alicudi e Filicudi a Stromboli, che pian piano sfumano spariscono nel buio, salvo le loro luci. Un momento direi fatato.

Ma perchè il cielo all’alba ed al tramonto del Sole si tinge in rosso ? Ve lo siete chiesto ? Forse no. Ed ecco la sua spiegazione, partendo un pò da lontano e cioè dall’energia radiante. Il Sole emana luce e calore , che irradiandosi nello spazio, raggiunge i diversi Pianeti del Sistema solare, compresa la nostra Terra. Il calore non è visibile all’occhio umano, ma viene percepiamo attraverso la sua sensazione. La luce è invece qualcosa di visibile ai nostri occhi. Entrambi però ci raggiungono attraverso onde elettromagnetiche di diversa ampiezza e lunghezza. Le onde elettromagnetiche della luce si propagano nello spazio ognuna con un colore diverso: la meno lunga col colore violetto, segue poi quella leggermente più lunga, di colore indaco, quelle ancora più lunghe, rispettivamente, di colore blu, verde, giallo ed arancione, per arrivare a quella più lunga di colore rosso. Nel loro percorso, alla velocità di 300.000 km/secondo, queste onde colorate si accavallano tra di loro e formano il colore bianco. Quando noi vediamo direttamente la luce del sole essa è quindi bianca. Ma spesso essa ci giunge anche lateralmente ed allora prima che giunga ai nostri occhi subisce dei processi di rifrazione, riflessione e piegature, durante i quali il suo colore bianco, subisce delle scomposizioni nei colori di origine. Rifrazione e riflessioni sono dei processi che la luce subisce quando ci giunge attraverso dei corpi trasparenti, vedi nel nostro caso le goccioline d’acqua ed le molecole dell’aria.

All’alba ed al tramonto i raggi solari ci giungono, dopo un lungo tragitto, attraverso la bassa atmosfera. Il questo lungo percorso la luce subisce dei processi del genere, che la impoveriscono dalle sue componenti blu e violetto ed ecco che nei raggi che ci giungono prevalgono le componenti della zona giallo-rosso. L’effetto è accentuato dalla presenza delle molecole di vapore d’acqua, che spiega il rosso glorioso dei tramonti sull’orizzonte marino.

Ieri ho cenato al lido La fenice e Vi assicuro che lo spettacolo del tramonto è stato come essere in un Paradiso terrestre.

Articoli simili

Posta un commento