Sant’Agata di Militello, i Carabinieri eseguono un’ordinanza di custodia in carcere nei confronti di un messinese

Sant’Agata di Militello, i Carabinieri eseguono un’ordinanza di custodia in carcere nei confronti di un messinese

I Carabinieri della Compagnia di Sant’Agata di Militello, nel pomeriggio del 7 luglio, a conclusione di specifica attività investigativa svolta dai militari della Stazione CC di Sant’Agata Militello, hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Messina, in sostituzione di quella degli arresti domiciliari, nei confronti di GRIOLI Santino 20enne di Messina. Lo stesso, già agli arresti domiciliari presso la comunità “Il Girasole” di Sant’Agata Militello, si rendeva responsabile di reiterate violazione degli obblighi imposti con la predetta misure restrittiva, nonché dei reati di lesioni personali e minacce aggravate nei confronti di altro soggetto sottoposto ad analogo regime cautelare presso la citata comunità. L’arrestato, informata l’Autorità Giudiziaria competente, dopo le formalità di rito è stato tradotto presso la casa circondariale di Barcellona Pozzo di Gotto.

Nella serata di ieri 7 luglio, i Carabinieri della Compagnia di Sant’Agata di Militello, impegnati sul territorio in attività di prevenzione e repressione dei reati in genere, nel corso di un controllo alla circolazione stradale, hanno tratto in arresto per violazione degli obblighi inerenti la sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno nel comune di residenza, CONTI MICA Antonino 39enne di Tortorici.

Il prevenuto, gravato da numerosi precedenti per reati contro il patrimonio, la persona e per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, veniva sorpreso nel centro abitato del comune di Tortorici a bordo di un’autovettura condotta da altro soggetto pregiudicato.

Il prevenuto, informata l’Autorità Giudiziaria competente, è stato tradotto in regime di arresti domiciliari presso la propria abitazione in attesa dell’udienza di convalida presso il Tribunale di Patti.

Articoli simili

Posta un commento