Area Marina Capo Milazzo, sì della Conferenza Stato-Regioni

Area Marina Capo Milazzo, sì della Conferenza Stato-Regioni

La Conferenza unificata Stato-Regioni operante presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri si è espressa favorevolmente all’istituzione dell’Area marina protetta di Capo Milazzo. Due erano i pareri richiesti: uno riguardante il decreto e l’altro il regolamento. Per entrambi c’è stato il via libera dell’organo del quale fanno parte oltre ai presidente delle Regioni, l’Anci, l’Upi ed i sottosegretari della Presidenza del Consiglio.

Ne ha dato notizia l’on. Tommaso Currò che nel 2013 è stato il promotore della Riserva facendo inserire in Parlamento tale previsione attraverso un emendamento alla Legge di stabilità.

Ricordo la battaglia per portare avanti questa iniziativa nell’interesse del mio territorio. Una battaglia condotta sino in fondo anche a costo di lasciare il movimento 5 Stelle che non aveva condiviso questa iniziativa. Ma alla politica ho scelto il territorio.

Il deputato del PD afferma comunque che “adesso si può davvero parlare di Area marina protetta di Capo Milazzo. Manca infatti solo un visto, ma relativamente al Regolamento da parte del Consiglio di Stato. Ma nella sostanza il decreto da sottoporre alla firma del ministro Galletti è già pronto”.

Per Milazzo l’Area marina è una grande conquista e ritengo che potrà dare tanto in termini di sviluppo e di rilancio turistico – aggiunge il parlamentare ­- ; una opportunità tale da rappresentare un valore aggiunto per la nostra offerta turistica oltre un basilare strumento di tutela del nostro territorio. Ma, come ho sempre sostenuto, l’Amp sarà un beneficio anche per i pescatori locali che potrebbero contare su un graduale ripopolamento ittico del mare. Vantaggi anche per le pubbliche amministrazioni locali e la guardia costiera che potranno contare su uno strumento di monitoraggio e tutela del territorio. L’ambiente di Capo Milazzo, sia terrestre che marino, ha potenzialità che possono rappresentare un concreto volano di sviluppo. È fondamentale e faccio appello ai giovani affinché siano i primi custodi di questo patrimonio straordinario. Tuteliamo questi beni e sono certo che tutti avremo dei vantaggi”.

Tommaso Currò
Parlamentare nazionale

Articoli simili

Posta un commento