Milazzo. Matrimoni al ristorante, presentazione delle candidature entro il 28 febbraio

Milazzo. Matrimoni al ristorante, presentazione delle candidature entro il 28 febbraio

Scade il prossimo 28 febbraio il termine per presentare domanda al Comune di Milazzo e candidare la propria struttura ricettiva, ristorante o villa per celebrare matrimoni di rito civile.
L’autorizzazione durerà 3 anni. Gli uffici comunali in esecuzione alla delibera adottata dalla giunta municipale nel maggio 2016 su proposta dell’assessore al turismo, Piera Trimboli, hanno ribadito che è ancora possibile da parte di proprietari o di coloro che possono legittimamente disporre delle strutture che però devono essere, però, di particolare valore storico, architettonico, ambientale, artistico o turistico. In sostanza l’amministrazione comunale otterrà la concessione in comodato gratuito «di locali idonei ai fini dell’Istituzione di separati Uffici di Stato Civile per la sola celebrazione di matrimoni civili». .
Le coppie che vorranno utilizzare queste location per sposarsi dovranno pagare al Comune la somma di 350 euro.
“Tale opportunità già utilizzata in questi mesi – ha detto l’assessore al turismo Piera Trimboli è giustificata dal fatto che Milazzo è località turistica e per le sue bellezze ed il suo promontorio risulta interessante per la presenza di proprietà dotate di ampi parchi e ville di notevole pregio storico, architettonico e paesaggistico. I siti abilitati alla celebrazione dei matrimoni civili fuori dalla casa comunale saranno individuati con un apposito atto della giunta municipale, ove sussistano i requisiti di legge, mediante l’istituzione di uno o più separati uffici dello stato civile presso locali di proprietà privata che siano nella disponibilità giuridica del Comune, con cui verrà sottoscritto atto di comodato d’uso gratuito a favore dell’Ente, e nel rispetto delle condizioni, tariffe e modalità che sono esplicitate nel disciplinare approvato”.

Articoli simili

Posta un commento