MONOPOLI (BA): CARABINIERI. ARRESTATO RICERCATO IN TUTTA EUROPA SCOVATO IN UN SEMINTERRATO

MONOPOLI (BA): CARABINIERI. ARRESTATO RICERCATO IN TUTTA EUROPA SCOVATO IN UN SEMINTERRATO

Nella tarda serata di ieri, i militari della Compagnia di Monopoli hanno tratto in arresto un 51enne, cittadino tedesco, in quanto colpito da mandato di arresto europeo emesso dal Tribunale di Ausburg, città della Baviera (GER).

Il ricercato, ritenuto dalla magistratura tedesca personaggio pericoloso, lo scorso ottobre si sarebbe macchiato di gravi crimini quali lesioni personali aggravate e sequestro di persona, fatti commessi a Merling, piccola cittadina alle porte di Monaco di Baviera, per i quali la legge tedesca prevede pene severe, ovvero fino a 15 anni di carcere.

La cattura è avvenuta attraverso una perfetta sinergia fra gli organi inquirenti dei due paesi che hanno potuto collaborare e scambiarsi informazioni mediante il Servizio di Cooperazione Internazionale di Polizia del Ministero dell’Interno.

Nello specifico i Carabinieri già da tempo erano sulle tracce del catturando, che da settimane si era rifugiato in Puglia celandosi sotto la veste di un tipico turista del nord Europa, interessato alle bellezze del nostro paese. Attraverso numerosi servizi di osservazione ed ad un constante controllo del territorio, è stato infine possibile localizzare un appartamento nel centro storico che da qualche giorno era in fase di ristrutturazione.

Tale circostanza ha insospettito i militari, in particolar modo la posizione dell’edifico, che seppur sito in zona centrale, poteva fungere da perfetto nascondiglio. Nella giornata di ieri, dopo aver notato un insolito via vai di persone che entravano in quel palazzo, i militari hanno deciso di fare irruzione trovando all’interno il fuggitivo unitamente alla propria moglie. Non si esclude che i coniugi avessero da tempo deciso di stabilirsi per il futuro a Monopoli, proprio nell’appartamento che stavano ammodernando.

Nel frattempo il cittadino tedesco è stato tradotto presso il carcere di Bari a disposizione della Corte di Appello, in attesa di essere consegnato alle autorità tedesche.

Articoli simili

Posta un commento