Piano delle sosta a pagamento, 14 consiglieri replicano duramente al sindaco Formica

Piano delle sosta a pagamento, 14 consiglieri replicano duramente al sindaco Formica

Proseguono le polemiche sulla sosta a pagamento. Dopo la lettera del sindaco al presidente del
consiglio, arriva la replica di 14 consiglieri comunali (Valentina Cocuzza- Russo Francesco-
Simone Magistri- Magliarditi Maria- Rizzo Francesco- Russo Lydia- Foti Antonio- Piraino Rosario-
Midili Giuseppe- De Gaetano Francesco- Alesci Francesco- Saraò Santi- Nastasi Gianfranco –
Massimo Bagli) che in un altro documento accusano dei ritardi il primo cittadino.
“Sui parcheggi 2 anni e mezzo di colpevoli ritardi – inizia la nota – . Il Sindaco ritiri quella delibera
vuota ed inutile e proceda a far pubblicare la gara. Una gara per un servizio che dipenderebbe da un
atto di indirizzo. Se non è follia politica poco ci manca. Un Sindaco ed un’amministrazione incapaci
in due anni e mezzo di avviare un servizio e che oggi cercano un capro espiatorio in un consiglio
comunale che dovrebbe votare un documento scritto dal Sindaco e con il quale si chiede ai
consiglieri di dare direttive agli organi di gestione in merito al bando ed al capitolato della gara per i
parcheggi a pagamento. Cosa che il consiglio comunale non può fare perché andrebbe oltre i limiti
del proprio mandato ed entrerebbe in un ambito che la legge demanda agli uffici.
Questo il nodo centrale di una proposta di delibera che per il resto contiene indicazioni, come quella
di autorizzare l’amministrazione alla gestione del servizio dei parcheggi a pagamento con lo
strumento della concessione. Cosa che già il consiglio comunale ha fatto nel luglio del 2016, con
un’amministrazione rimasta inerme per due anni che cerca ora di porre rimedio, addossando ad altri
responsabilità che sono da imputare solo al lassismo mostrato anche in questa situazione.
Considerando – prosegue il documento – che già il 13 di dicembre, con determina del Dirigente del
Settore, è stato nominato il Rup ed è stata di fatto avviata la procedura per il bando di gara. Ma
forse il Sindaco non lo sa. Non c’è un atto, nella vita del comune di Milazzo, che non sia colpa di
qualcun altro. Formica la smetta di chiacchierare e cominci ad amministrare per quel poco tempo
che gli resta invece di creare alibi alla sua grandissima incapacità. Dal luglio del 2016 non ha posto
in essere un atto, lui e la sua giunta, che potesse avviare il servizio dei parcheggi a pagamento.
Raccontava ai parcheggiatori che era pronta la “ delibera” e che stava per mandarla in consiglio
comunale. Di questa “ delibera” non si ha traccia ne mai è stata predisposta. Una favola buona per
tenere a bada padri di famiglia che sono senza uno stipendio da due anni. A marzo del 2017, dopo
otto mesi senza fare nulla se non raccontare frottole, incarica, ma solo a parole, di verificare la
fattibilità di dare vita ad un Project Financing. Un fatto di per se preoccupante , considerato che a
luglio del 2016 si era dato un chiaro indirizzo per procedere a fare la gara in concessione e che per
otto mesi si è “dimenticato” di fare anche un piccolo passo in avanti. Quasi come se si fosse voluto
attendere che si materializzasse una proposta diversa. Strano. Un project i cui contenuti sembrano
noti a tutti ma che, di fatto non poteva essere conosciuto a nessuno se non a chi il Comune aveva
affidato l’incarico di verificare la fattibilità. Già, ma chi era stato incaricato?. Il Sindaco si
barcamena ancora per un anno e mezzo tra racconti fantasiosi ed amare considerazioni parlando con
i parcheggiatori. Di fatto non accade nulla di nulla. Nè un documento, nè un atto, neanche la
parvenza di un tentativo di dare soluzione alla problematica, Improvvisamente il primo cittadino si
sveglia dal torpore esattamente quando il consiglio comunale gli dice che è ora di finirla e di dare
avvio alla gara.
Il genio, l’estro del politico navigato gli fanno tirare fuori dal cilindro una proposta di delibera in
parte inutile ed in parte impossibile . Il Sindaco, attacca il Presidente del Consiglio ed i consiglieri
comunali di opposizione quando molto più semplicemente avrebbe potuto coinvolgere i suoi
consiglieri comunali e far presentare a loro la proposta di delibera, ma si capisce che non si fida
delle loro capacità politiche. Li giudica alla stregua degli scolaretti che si debbono limitare a fare i
compitini. La strada per il Sindaco è senza uscita. Tutte le dimenticanze e le lacune del disinteresse
avuto nei confronti dei parcheggiatori emergono e lui per difendersi inventa una delibera che è un
sacco vuoto ed inutile ma che gli serve per fare politica. Il Sindaco si svegli. Al Comando Vigili si
sta lavorando per pubblicare il bando. Ma forse ci sono problemi diversi che il primo cittadino cerca
di mimetizzare con quell’atto di presunzione nei confronti del consiglio comunale?. L’ennesimo
fallimento di un’amministrazione che sa trovare solo alibi. Il Sindaco dia dimostrazione di buon
senso e proceda a ritirare una proposta inutile e dannosa che alimenta polemiche di cui la città e gli
operatori della sosta non hanno certo bisogno.”

Articoli simili

Posta un commento