LO SCIP RIPORTA IN ITALIA LUCA MATERAZZO, ACCUSATO DELL’OMICIO DEL FRATELLO VALERIO

LO SCIP RIPORTA IN ITALIA LUCA MATERAZZO, ACCUSATO DELL’OMICIO DEL FRATELLO VALERIO

Giungerà a Fiumicino nel primo pomeriggio odierno,  Luca Materazzo, il 36enne napoletano, autore dell’omicidio del fratello Valerio, avvenuto a Napoli il 28 novembre 2016.

Le indagini svolte nell’immediatezza dei fatti dalla Sezione Omicidi della Squadra Mobile di Napoli si sono concentrate sulle attività e le relazioni dell’autore del c.d.  “omicidio di Chiaia”, costringendolo verosimilmente anche ad isolarsi da parenti e conoscenti per impedire agli investigatori di rintracciarlo.

Di fatto il tentativo di latitanza sicura è stato smantellato dall’attento lavoro della Squadra Mobile e dal supporto dello SCIP – Servizio per la Cooperazione Internazionale di Polizia del Dipartimento della Pubblica Sicurezza, che ha esteso le ricerche a livello internazionale.

In particolare l’esecuzione dell’arresto a Siviglia, il 2 gennaio scorso, è frutto della sempre costante collaborazione tra lo SCIP e gli omologhi spagnoli.

All’arrivo a Fiumicino scortato dagli Agenti dello Servizio per la Cooperazione Internazionale di Polizia,  verranno espletate le formalità dell’arresto sul territorio nazionale presso l’Ufficio di Polizia di Frontiera Aerea, e successivamente il Materazzo accompagnato da personale della Sezione Omicidi di Napoli sarà associato presso la competente Casa Circondariale a disposizione dell’autorità giudiziaria partenopea.

Articoli simili

Posta un commento