BORGHI AUTENTICI E UNIVERSITA’ DE L’AQUILA: UN’INTESA PER IL FUTURO

BORGHI AUTENTICI E UNIVERSITA’ DE L’AQUILA: UN’INTESA PER IL FUTURO

Borghi Autentici e Università de L’Aquila in sinergia per valorizzare i centri abruzzesi utilizzando le opportunità finanziarie messe in campo dall’Unione Europea. Con questo presupposto il sindaco di Aielli e delegato regionale dell’associazione, Enzo Di Natale, il vice segretario nazionale Antonio Cardelli, ed i professori dell’ateneo aquilano Pierluigi De Bernardinis Donato Di Ludovico, si sono incontrati per stilare l’elenco dei punti chiave da inserire nella convenzione che permetterà, ai 40 sindaci abruzzesi facenti parte dei Borghi Autentici, di potersi servire di competenze elevate nel campo della riqualificazione e dell’efficientamento energetico al fine di porre in essere interventi mirati alla rinascita dei Comuni.

 “Il supporto dell’Ateneo de L’Aquila – ha detto Di Natale – avvalorerà qualsiasi tipo di pianificazione. L’idea è quella di mettere in piedi un percorso che incrocerà i bisogni di un territorio dalle enormi potenzialità. Dobbiamo lavorare in sinergia, sulla strada indicata dalla Comunità Europea. A primavera la convenzione arriverà sul tavolo dei sindaci abruzzesi, affinché si possa dare un contributo tangibile alle comunità che non si arrendono, che vogliono scommettere sul proprio futuro e che ambiscono a diventare mète turistiche negli anni a venire, rispolverando la tradizione in un contesto di efficienza assoluta in termini energetici e strutturali”.

Il progetto ha mosso i primi passi grazie ad una tesi di Laurea degli ingegneri dell’Università de L’Aquila Antonella Di Natale, Angela De Angelis e Marina Paglione, dal titolo “Strategie di intervento per la riqualificazione sostenibile dei centri minori: il caso studio di Aielli”, contenente 3 approfondimenti  riguardanti rispettivamente efficientamento energetico del costruito, recupero ruderi e riqualificazione scenari luminosi. Con questo lavoro di tesi è stato definito un processo metodologico volto alla riqualificazione e valorizzazione dei centri minori, prendendo come esempio il borgo di Aielli, partendo da una pianificazione urbanistica strategica fino ad arrivare allo studio di aspetti energetici e sostenibili.

Articoli simili

Posta un commento