Operazione ad alto impatto: “Security Breath”

Operazione ad alto impatto: “Security Breath”

La Polizia di Stato ha concluso,su tutto il territorio nazionale, un’operazione ad alto impatto denominata “Security breath” finalizzata a garantire maggiori livelli di sicurezza e vivibilità ai cittadini, attraverso l’intensificazione dei controlli in particolare nelle aree caratterizzate da fenomeni di illegalità diffusa, marginalità sociale, irregolarità e degrado.

All’operazione, coordinata dal Servizio Controllo del Territorio della Direzione Centrale Anticrimine, hanno partecipato le Volanti di tutte le Questure con il supporto dei Reparti Prevenzione Crimine e con il concorso di personale dei Gabinetti di Polizia Scientifica, con l’impiego di complessivi 3.182 equipaggi (6.776 operatori).

L’operazione ad alto impatto, nel corso della quale sono stati intensificati i posti di controllo nelle aree a più alto indice di illegalità, anche al fine di restituire ai residenti una adeguata “percezione di sicurezza”, ha consentito, anche grazie all’impiego delle moderne tecnologie del sistema Mercurio di controllare 38.142 veicoli, 24.052 persone, nonché di trarre in arresto 66 persone e denunciarne in stato di libertà 269.

Sono stati, inoltre, sequestrati 2,3 chilogrammi di sostanze stupefacenti, elevate 700 contravvenzioni al Codice della Strada e sequestrati 155 veicoli.

Tra i numerosi episodi si segnalano:

A Bitonto (BA) personale del Reparto Prevenzione Crimine di Bari e del locale Commissariato di P.S. ha tratto in arresto un minorenne pregiudicato di 14 anni, per detenzione, ai fini di spaccio, di sostanza stupefacente e detenzione illegale di munizioni. Durante i controlli in una zona degradata teatro di spaccio, solitamente utilizzata dalla criminalità locale per occultare droga ed armi, gli operatori hanno notato una persona sospetta che alla vista degli operanti ha tentato di darsi alla fuga tra i vicoli e sui tetti delle abitazioni del centro storico portando con sé e poi disfacendosi di uno zaino. All’interno del borsone e nell’abitazione nella quale era stato avvistato il giovane sono stati rinvenuti oltre mezzo chilo di sostanza stupefacente confezionata in dosi di hashish, marijuana e cocaina, nonché 190 euro in contanti e 35 cartucce cal. 9×21.

A Castel Volturno (CE) personale del Reparto Prevenzione Crimine di Napoli e del locale Commissariato di P.S. ha proceduto all’arresto di un soggetto di nazionalità albanese, colpito da un ordine di arresto ai fini estradizionali emesso dall’autorità giudiziaria albanese per violazione della legge sugli stupefacenti, in quanto era riuscito a darsi alla fuga dopo essere stato trovato in possesso, a Tirana unitamente ad un connazionale, di un ingente quantitativo di sostanza stupefacente. Anche a Castel Volturno il soggetto non si è fermato all’alt intimatogli e ha tentato la fuga prima in auto e poi a piedi venendo rintracciato ed arrestato mentre cercava di nascondersi all’interno di un esercizio commerciale.

Articoli simili

Posta un commento