La Polizia di Stato di Caltanissetta ha arrestato Vaccaro Domenico, uomo d´onore della famiglia mafiosa di Campofranco per un omicidio commesso a Niscemi nel 1983

La Polizia di Stato di Caltanissetta ha arrestato Vaccaro Domenico, uomo d´onore della famiglia mafiosa di Campofranco per un omicidio commesso a Niscemi nel 1983

L’indagine è frutto di un peculiare metodo di raccolta ed incrocio di dati, volto alla individuazione degli autori di fatti omicidiari risalenti nel tempo, i così detti ” cold case”.
L´operazione di polizia giudiziaria costituisce un importantissimo colpo inferto alla consorteria mafiosa della provincia di Caltanissetta, dal momento che il Vaccaro Domenico, dalle risultanze investigative, sarebbe uomo d´onore della famiglia mafiosa di Campofranco, strettamente legato al noto mafioso Madonia Giuseppe, inteso Piddu, nonché uomo di fiducia del boss palermitano Bernardo Provenzano, che annotava il nome di Mimì Vaccaro nei suoi “pizzini” rinvenuti nel suo covo al momento del suo arresto.
Dopo l´arresto del Barberi Alessandro, uomo d´onore della famiglia mafiosa di cosa nostra di Gela, gruppo Rinzivillo, avvenuto nel gennaio del 2014 sempre ad opera dei poliziotti della Squadra Mobile di Caltanissetta, nell´ambito dell´Operazione di polizia denominata “Fenice”, Vaccaro Domenico era diventato il responsabile provinciale per cosa nostra della provincia di Caltanissetta.
Le complesse indagini della S.C.O. hanno consentito di ricostruire questo efferato delitto, commesso nei sanguinosi anni della guerra di mafia che imperversava, negli anni ´80, nella provincia nissena, in seguito ad una forte contrapposizione interna alla consorteria criminale “cosa nostra” che ha visto alcuni componenti del clan tendere ad avere il predominio criminale su altri. In tale contesto scaturiva l´omicidio di Vacirca Vincenzo, assassinato, in Niscemi, nel novembre del 1983.
L’indagine ha costituito, ancora una volta, il frutto di un metodo peculiare di raccolta ed incrocio di dati, volto alla individuazione degli autori di fatti omicidiari risalenti nel tempo, i così detti ” cold case”.
La particolare efficacia di questo metodo investigativo consente di ripercorrere la carriera criminale di personaggi dell’organizzazione che, come nel caso in esame, hanno svolto, negli anni, il loro ruolo, via via di maggior rilievo, nella struttura criminale, realizzando efferati omicidi che, senza “la ricerca indefessa del riscontro”, rimarrebbero dimenticati e senza risposta, con grave ed irrimediabile pregiudizio per il sistema giustizia nel suo complesso.
L´attenta analisi delle dichiarazioni di alcuni collaboratori di giustizia, corroborata dalla meticolosa ricerca di riscontri oggettivi, ha permesso di individuare i mandanti e gli esecutori materiali del delitto di mafia in argomento.
Si sono ricostruite così le fasi deliberatorie, preparatorie ed esecutive dell´omicidio, scaturito dopo l´uccisione del capofamiglia di Niscemi, Arcerito Salvatore – inteso “u lumiaru”, assassinato a Niscemi il 30 aprile 1983 – che gli altri referenti della famiglia mafiosa di Niscemi addebitarono a Vacirca Giuseppe, fratello di Vincenzo. Chiesta l´autorizzazione all´allora rappresentante provinciale di cosa nostra, Madonia Giuseppe, la famiglia di Niscemi preparò così la sua vendetta, sancendo il mandato di morte di Vacirca Giuseppe.
Quest´ultimo, a quel tempo, era latitante per la giustizia ma anche irrintracciabile per i killers e, perciò, la cupola di cosa nostra nissena decise di punirlo con l´uccisione del fratello Vacirca Vincenzo.
Furono impiegati – come spesso accadeva nella guerra di mafia di quegli anni – killers di altri centri limitrofi, in specie Vaccaro Domenico di Campofranco e Bevilacqua Antonino di Gela, quest´ultimo successivamente assassinato.
Il mandato di morte ai danni di Vacirca Giuseppe si concretizzò qualche anno più tardi: egli, infatti, fu ucciso nell´agosto del 1990; anche i mandanti e gli esecutori di questo omicidio sono stati assicurati alla giustizia nell´ambito dell´operazione di polizia denominata “Revenge”, condotta dalla Squadra Mobile della Polizia di Stato nissena. L´odierna operazione di P.G. si va ad aggiungere alle altre numerose di polizia denominate convenzionalmente: “op. parabellum”; “op. rewind”; “op. crimensilentii”; “op. finis terrae”; “op. ninetta”; “op. colpo su colpo”; “op. San Valentino-Reveng che hanno consentito di arrestare numerosi sodali affiliati a cosa nostra ed alla stidda non solo di Niscemi, ma anche dei comuni limitrofi, nell´ambito di una complessa attività investigativa rivolta alla ricostruzione della verità storica del contesto criminale in cui sono stati consumati vecchi omicidi di mafia.

Articoli simili

Posta un commento