Il maestro della setta imponeva un rigido stile di vita agli adepti

Il maestro della setta imponeva un rigido stile di vita agli adepti

Agenzia di Stampa Agim —

 

Le indagini della Polizia hanno accertato che il rigido stile di vita imposto dal maestro, attraverso le c.d. diete MA.PI, (dal nome del maestro) in numero di 5 (gradualmente sempre più ristrette e severe) e le lunghe “conferenze” da lui tenute, durante le quali si parlava per ore della forza salvifica della sua dottrina alimentare, erano volte a plasmare un asservimento totale delle vittime.

Tutta la loro vita era gestita dal maestro, che si avvaleva dei suoi collaboratori prescelti, facenti parte della “segreteria”, che attraverso i cd “capizona” e “capicentri”, dislocati in varie parti d´Italia, all´interno dei “Punti Macrobiotici”, riusciva a manovrare a suo piacimento il mondo macrobiotico.

Gli adepti venivano convinti ad abbandonare il loro lavoro e in genere ad abiurare la precedente vita e a “lavorare” per l´associazione quale ringraziamento per il messaggio salvifico ricevuto; di fatto si trattava di sfruttamento, costretti a lavorare per molte ore e, nella migliore delle ipotesi, sottopagati.

Articoli simili

Posta un commento