Il bus va in panne sull’A/1, ma la Polstrada e la tramvia salvano la gita

Il bus va in panne sull’A/1, ma la Polstrada e la tramvia salvano la gita

Un bus con 50 liceali tedeschi ed i loro accompagnatori, giunti in Toscana per una breve vacanza, è stato soccorso dalla Polizia Stradale alle porte di Firenze.

I ragazzi, che vicino Dortmund frequentano il classico, erano partiti da Montecatini dove avevano pernottato e già pregustavano le bellezze della città del giglio. Ma il motore del pullman si è spento proprio al casello di Firenze Sud, mentre l’autista stava pagando il pedaggio. A bordo tutti si sono spaventati perché l’aria condizionata era saltata, faceva molto caldo e gli automobilisti, che erano in coda fermi dietro, suonavano il clacson all’impazzata.

In pochi minuti è giunta una pattuglia della Sottosezione di Firenze Nord, che ha verificato un guasto al radiatore del bus. Con molta cautela i poliziotti e l’autista sono riusciti a spostare il mezzo sul lato destro del casello, in modo da evitare inutili rischi ai ragazzi, che nel frattempo si erano tranquillizzati. Sul posto anche un meccanico ha constatato che l’avaria non poteva essere riparata e l’autista, a quel punto, ha riferito alla pattuglia che la gita era saltata, poiché occorreva attendere l’arrivo dalla Germania di un bus di riserva.

I ragazzi erano molto dispiaciuti di saltare la visita a Firenze dicendolo ai poliziotti, che hanno avuto un’idea per salvare la gita. La Polstrada, consapevole di quanto sia utile la tramvia che collega Villa Costanza a Santa Maria Novella, si è data da fare per cercare un pullman vuoto sull’A/1 e dirottarlo a Firenze sud.

Il bus è stato trovato presso l’area di servizio Bisenzio ovest e l’autista, presa a cuore la situazione, è piombato con la Stradale dai ragazzi. La comitiva è salita a bordo per andare a Villa Costanza e, dopo, prendere la tramvia per il centro.

I ragazzi hanno ringraziato la Polstrada per aver compreso la loro delusione e averli aiutati a visitare Ponte Vecchio, il David e i Giardini di Boboli.

Articoli simili

Posta un commento