IVREA: RINVENUTE ARMI E ALTRO MATERIALE DI PROVENIENZA FURTIVA IN CAMPO NOMADI INGENTE SEQUESTRO DELLA POLIZIA DI STATO

IVREA: RINVENUTE ARMI E ALTRO MATERIALE DI PROVENIENZA FURTIVA IN CAMPO NOMADI  INGENTE SEQUESTRO DELLA POLIZIA DI STATO

Nell’ambito di un servizio straordinario di controllo del territorio, predisposto dal Questore Messina, gli agenti della Polizia di Stato del Commissariato di Ivrea (TO), coadiuvati da personale del Reparto Prevenzione Crimine, della Squadra Mobile, della Polizia Scientifica, dell’Unità Cinofila e da agenti della Polizia Locale, hanno ispezionato il campo nomadi di via Cascine Forneris, per un controllo sulle persone domiciliate e il contrasto alle attività illecite in generale.

All’interno di una cascina attigua in uso esclusivo al campo sono stati trovati: 4 fucili, di cui 3 a pompa ed 1 da caccia, con relativo munizionamento cal. 12 e cal. 6,35; e 2 pistole, di cui 1 semiautomatica ed 1 a tamburo. Le armi, debitamente sequestrate, sono risultate essere provento di furti avvenuti nelle province di Vercelli, Torino e Piacenza.

Nel medesimo contesto sono state rinvenute due autovetture, una SEAT Leon e un’Audi S3, sulle quali risultavano montati motori provento di furto. L’Audi, apparentemente di colore grigio metallizzato, era in realtà nera. Il colore era stato celato dall’applicazione di una patina nastro adesiva che andava a ricoprire completamente il veicolo.

Entrambe le auto avevano dei dispositivi di allarme simili a quelli in uso alle Forze dell’Ordine.

Inoltre, sono state sequestrate anche 2 chitarre elettriche di notevole valore, 2 biciclette tipo mountain-bike delle migliori marche. La merce, di probabile provenienza furtiva, ha un valore stimabile che si aggira intorno ai 10 mila euro.

Gli agenti hanno trovato anche 1 valigetta in alluminio contenente apparecchiatura elettronica medica del valore di circa 10 mila euro, provenuto di un furto in abitazione a Torino risalente allo scorso anno.

Nella giornata di ieri sono state complessivamente identificate 50 persone, 3 di queste sono state denunciate per il reato di ricettazione.

Ulteriori indagini sono in corso al fine di verificare l’utilizzo e la provenienza di tutto il materiale sequestrato.

Articoli simili

Posta un commento