La Polizia di Stato arresta giovane messinese: rinvenuti presso la sua abitazione 176,30 grammi di cannabis modificata e 2.300,00 Euro. Dovrà rispondere di detenzione ai fini di spaccio

La Polizia di Stato arresta giovane messinese: rinvenuti presso la sua abitazione 176,30 grammi di cannabis modificata e 2.300,00 Euro. Dovrà rispondere di detenzione ai fini di spaccio

Giungono nella sua abitazione nel pomeriggio di ieri ricevendo in modo spontaneo da Basile Alessio, messinese di 32 anni, 16 grammi di sostanza stupefacente del tipo marjuana, legata con un filo di cotone, custoditi appesi ad una porta del vano caldaia, posto nel balcone della cucina, per l’essiccazione.

I poliziotti del Commissariato Messina Nord procedono nell’attività di perquisizione dell’immobile rinvenendo, nel ripostiglio, avvolti in una busta di cellophane, ulteriori 160,30 grammi di sostanza dello stesso tipo di quella di cui sopra. Non sfugge agli operatori la presenza di una cassaforte all’interno della quale, in banconote di vario taglio, sono riposti 2.300,00 euro verosimilmente riconducibili all’attività di spaccio.

La sostanza sequestrata analizzata nei laboratori di Polizia Scientifica risulta essere cannabis modificata.

Il Basile viene arrestato per detenzione ai fini di spaccio e dietro disposizione dell’A.G competente sottoposto agli arresti domiciliari in attesa di essere giudicato con rito per direttissima.

 

Giungono nella sua abitazione nel pomeriggio di ieri ricevendo in modo spontaneo da Basile Alessio, messinese di 32 anni, 16 grammi di sostanza stupefacente del tipo marjuana, legata con un filo di cotone, custoditi appesi ad una porta del vano caldaia, posto nel balcone della cucina, per l’essiccazione.

I poliziotti del Commissariato Messina Nord procedono nell’attività di perquisizione dell’immobile rinvenendo, nel ripostiglio, avvolti in una busta di cellophane, ulteriori 160,30 grammi di sostanza dello stesso tipo di quella di cui sopra. Non sfugge agli operatori la presenza di una cassaforte all’interno della quale, in banconote di vario taglio, sono riposti 2.300,00 euro verosimilmente riconducibili all’attività di spaccio.

La sostanza sequestrata analizzata nei laboratori di Polizia Scientifica risulta essere cannabis modificata.

Il Basile viene arrestato per detenzione ai fini di spaccio e dietro disposizione dell’A.G competente sottoposto agli arresti domiciliari in attesa di essere giudicato con rito per direttissima.

Articoli simili

Posta un commento