LETTERA APERTA AL SEGRETARIO NAZIONALE DELLA LEGA, MATTEO SALVINI, MINISTRO DEGLI INTERNI E VICEPRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI – PALAZZO CHIGI – ROMA

LETTERA APERTA AL SEGRETARIO NAZIONALE DELLA LEGA, MATTEO SALVINI, MINISTRO DEGLI INTERNI E VICEPRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI – PALAZZO CHIGI – ROMA

Pubblichiamo di seguito, e integralmente, la lettera sottoscritta di Emilio Oliviero Scali, indirizzata al nostro giornale, e inviata, come da titolo, a Matteo Salvini, Roma. Contiene alcuni quesiti interessanti e di pubblica utilità.

Il sottoscritto Oliverio Scali Emilio, domiciliato a Milazzo, PREMESSO che fa parte di un consistente gruppo cittadino pro-Salvini, si fa portavoce delle seguenti istanze di seguito rappresentate:
“Essendo venuti a conoscenza che il Senatore del Pd Matteo Renzi, nonostante il suo incarico istituzionale, ha stipulato un contratto con Mediaset per condurre un programma televisivo, retribuito con qualche milione di euro annui, ci domandiamo se tale impegno privato sia compatibile, anche dal punto di vista etico, con il suo ruolo di Senatore della Repubblica. Inoltre, chiediamo di sapere per quale recondita ragione i pensionati del più vasto ceto medio nazionale non siano stati inseriti nel contratto giallo-verde per la rivalutazione economica Istat dei loro emolimenti bloccata dal Governo Monti sin dal 2011 (quasi 8 anni) ed ulteriormente appiattita dai governi succedutisi del Pd. Si rappresenta che tale stallo nelle retribuzioni ha comportato e comporta una diminuzione notevole del potere d’acquisto, valutato in circa il 30%, non più sostenibile in quanto sino ad oggi tutti i pensionati fungono da ammortizzatori sociali per figli e nipoti disoccupati, svolgendo, come tutti sanno, una grande funzione economico-sociale, contribuendo così a limitare i costi gravosi dello Stato. Sottintendiamo che tale assurda situazione non può più perdurare all’infinito e facciamo voti a questo nuovo Governo del cambiamento, che noi sosteniamo, affinchè ponga urgente rimedio a questa situazione”.
Il sottoscritto si augura, e spera, che i contenuti di questa missiva vengano da Lei opportunamente valutati in positivo poichè crede che nella Sua azione, che sinora è stata proficua, perchè coerente e incisiva con la politica generale del Paese che va conducendo in seno al Governo nella Sua triplice funzione istituzionale.
Fiducioso di ricevere una nota di risposta, cordialmente invia segni di stima e di fedeltà all’idea che sta portando avanti.

Milazzo, li 18 ottobre 2018

Emilio Oliverio Scali

Articoli simili

Posta un commento