MILAZZO, APPUNTATO DEI CARABINIERI ARRRESTATO PER STALKING, ESTORSIONE E ABUSO D’UFFICIO

MILAZZO, APPUNTATO DEI CARABINIERI ARRRESTATO PER STALKING, ESTORSIONE E ABUSO D’UFFICIO

Francesco Moschini, 40 anni, della Compagnia CC di Milazzo, è stato tratto in arresto perchè accusato di stalking, estorsione e abuso d’ufficio. Era legato ad una donna sentimentalmente e avrebbe forse abusato della sua posizione di Carabiniere per commettere i reati di che trattasi, pensando  presumibilmente di non venire mai scoperto. E’ attualmente agli arresti domiciliari e domani si svolgerà l’interrogatorio di garanzia davanti al Gip di Barcellona P.G. dalla quale città sembra essere originario.

I suoi avvocati sono Tommaso Calderone e Gaetano Pino e le accuse sono pesantissime.

 Sarah Caiazzo è il Sostituto Procuratore della Repubblica incaricato del coordinamento delle indagini in corso.

La vittima dei presunti abusi è una donna, in passato legata a Moschini da ragioni sentimentali e che ancora certamente tormentava i due. La storia sarebbe saltata fuori per caso da intercettazioni telefoniche per un procedimento diverso e forse la vittima non l’avrebbe mai denunciata. In particolare, l’appuntato avrebbe ricevuto dalla donna una somma per l’acquisto di un’autovettura ritirata a Torino con un esborso di ulteriori 500 euro a favore dell’appuntato per spese di viaggio e di soggiorno. Ma si è scoperto che la stessa aveva sottoscritto anche un’assicurazione di 1.200 euro a favore dell’uomo (?). Le notizie sono ancora imprecise perchè quando si tratta di appartenenti alle Forze dell’Ordine le bocche sono sempre cucite.

L’appuntato è anche accusato di minacce di morte, a causa delle quali la donna probabilmente avrebbe rinunciato alle somme a lui prestate e a nascondere tutti gli altri soprusi subiti.

L’abuso d’ufficio si riferisce a una richiesta di documenti illeciti a una persona che conversava in un bar con la donna a Torregrotta.

Comunque, tutte le cose sono da accertare minuziosamente e noi di siciliapress.it, che siamo garantisti nei riguardi di chiunque, ci auguriamo che al carabiniere le cose attribuitegli vengano ridimensionate e che la sua posizione venga alleggerita.

Articoli simili

Posta un commento