Parabiago. Sinistro mortale in stazione

Parabiago. Sinistro mortale in stazione

Un minore, di anni 15 e di nazionalità italiana, viene investito sui binari. Nel tardo pomeriggio, nella stazione di Parabiago, sulla linea Milano Centrale- Domodossola, un treno in transito, vedendo un giovane camminare sulla linea in direzione opposta a quella di marcia, aziona subito i sistemi di segnalazione acustica e di frenata d’emergenza, non riuscendo tuttavia ad evitare l’impatto ed investendo mortalmente lo sventurato ragazzo. Alcuni testimoni dell’accaduto, confermano la triste dinamica dei fatti.

Sono in corso ulteriori accertamenti al fine di una certa ricostruzione della vicenda da parte degli organi investigativi e della Procura della Repubblica di Busto Arsizio, ma non si esclude che l’evento fatale sia conseguenza di un gioco finito tragicamente.

La morte del giovane ragazzo travolto ed ucciso da un treno a Parabiago, nel Milanese, richiama pertanto l’attenzione sulla necessità di prevenire comportamenti impropri o pericolosi in ambito ferroviario

Anche se i dati statistici Polfer relativi agli investimenti accidentali nei primi 9 mesi del 2018  fanno registrare un calo di eventi -12% rispetto al 2017 e una flessione nel numero delle vittime totale -10%, nonché nella mortalità -7%, l’attenzione della Specialità è sempre molto elevata ed orientata principalmente alla prevenzione mediante l’organizzazione di giornate di controlli straordinari (Rail Safe Day) e attraverso campagne di sensibilizzazione degli studenti nelle scuole, visto che spesso sono proprio i più giovani a rimanere vittime di imprudenze o distrazioni legate anche alla scarsa conoscenza dei pericoli presenti nelle stazioni.

“Rail Safe Day”  è il nome delle giornate di controlli straordinari, organizzate dalla Polizia Ferroviaria presso le  stazioni ed aree ferroviarie “sensibili” in tutta Italia,  per contrastare comportamenti anomali ed impropri in ambito ferroviario che di frequente sono causa di incidenti

Dall’inizio dell’anno  ad oggi sono state organizzate 11 giornate che hanno visto impegnati 15.393 operatori Polfer. Sono stati effettuati 6.215 controlli, persone controllate 54.723 e  sanzioni elevate 574 a chi è stato sorpreso a non rispettare le norme di sicurezza in ambito ferroviario. L’attraversamento dei binari e dei passaggi a livelli con le barriere abbassate rimangono tra i comportamenti pericolosi posti in essere dai pedoni.

Da alcuni anni, inoltre, la Polizia Ferroviaria ha avviato campagne comunicative per sensibilizzare i giovani al rispetto delle regole ad assumere comportamenti responsabili in ambito ferroviario, al fine di scongiurare incidenti causati spesso da disattenzioni od imprudenze. Sono oltre 150.000 gli studenti raggiunti dal 2014 al 2018 con il progetto “Train…to be cool, realizzato in collaborazione con il M.I.U.R. e con il supporto scientifico della Facoltà di Medicina e Psicologia dell’Università di Roma La Sapienza per sensibilizzare i giovani al rispetto delle regole e ad assumere comportamenti responsabili in ambito ferroviario. Nell’anno scolastico scorso sono stati coinvolti 49.416 studenti effettuando 575 incontri.

Articoli simili

Posta un commento