Milano, rapina in gioielleria: la Polizia di Stato esegue ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di “Pink Panthers”

Milano, rapina in gioielleria: la Polizia di Stato esegue ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di “Pink Panthers”

La Polizia di Stato ha eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti degli autori della rapina commessa il 20 dicembre 2017 in via Pontaccio a Milano ai danni della gioielleria “PARADISO LUXURY”.Il cittadino serbo cui è stata notificata l’ordinanza da parte dei poliziotti della arrestato Squadra

Mobile della Questura di Milano fa parte del gruppo di origine balcanica criminale denominato “PINK PANTHERS”, famoso in tutto il mondo per i modi spregiudicati e spettacolari delle rapine commesse.

La rapina commessa a Milano è stata compiuta da due uomini che, nel giro di 50 secondi – tipico della c.d. tecnica “SMASH & GRAB” (distruggi e prendi) – hanno sottratto orologi di pregio per un valore superiore ai 200 mila euro.

L’attività investigativa svolta dagli agenti della Squadra Mobile con la stretta collaborazione dell’INTERPOL e della Federal Criminal Police Svizzera, oltre che del Gabinetto Regionale di Polizia Scientifica di Milano, ha portato ad identificare l’autore, già noto alle autorità elvetiche quale importante elemento di spicco dell’organizzazione PINK PANTHERS, nonché i due complici, nei cui confronti sono in corso le ricerche in campo internazionale.

Il ricercato, che si sospettava avesse trovato rifugio a Basilea (CH) per la pianificazione di un altro importante colpo, è stato fermato dalla polizia elvetica che alla fine di agosto ha dato esecuzione al Mandato d’Arresto Europeo e, a seguito dell’estradizione, i poliziotti della Squadra Mobile hanno eseguito l’ordinanza di custodia cautelare in carcere. Prosegue l’attività di indagine da parte della Polizia di Stato per la cattura degli altri due complici

sospettati di essere tra gli autori di altre violente rapine commesse anche a Milano.

Articoli simili

Posta un commento