Cagliari, arrestati i genitori della piccola Esperanza

Cagliari, arrestati i genitori della piccola Esperanza

La Polizia di Stato di Cagliari ha arrestato i genitori della piccola Esperanza, ritenuti responsabili dell´omicidio della figlia, occultamento di cadavere, simulazione di reato ed incendio doloso.
Il 23 dicembre scorso il furgone, utilizzato dalla famiglia come dimora provvisoria, prese fuoco e, nel corso dell´intervento di spegnimento, il padre riferì che a bordo del veicolo, c´era la loro bambina di appena 20 mesi, che sarebbe rimasta all´interno del mezzo, presumibilmente avvolta dalle fiamme.
Nonostante le sue dichiarazioni, al termine delle operazioni di spegnimento e del conseguente sopralluogo, curato dai poliziotti del Gabinetto di Polizia Scientifica, il corpo della piccola non è stato mai rinvenuto.
A seguito delle contestazioni mosse dagli inquirenti circa l´effettiva presenza della figlia a bordo del furgone, il genitore dichiarò che la bambina poteva essere stata sequestrata da una indefinita banda di sequestratori di nazionalità rumena per un imprecisato debito di droga.
Nonostante il carattere indefinito ed aleatorio delle dichiarazioni rese dal padre 28enne, i poliziotti hanno cercato comunque dei riscontri obiettivi all´ipotesi del sequestro, senza trovare alcun riferimento preciso e soprattutto senza che sia mai emersa una richiesta di natura estorsiva da parte della presunta banda.
Oltre alle perplessità emerse dalla ricostruzione fornita circa le modalità del sequestro, gli inquirenti hanno ricostruito gli ultimi mesi della famiglia.
Dagli approfondimenti investigativi è emerso infatti che la bambina, già dalla fine del decorso novembre, non era stata più notata insieme alla propria famiglia ed, in diverse occasioni, il padre, aveva riferito che la bambina era stata affidata ad un imprecisato istituto.
L´indagine, ha consentito infine di disvelare la responsabilità diretta dei due genitori quali responsabili della morte della figlia.
Inoltre, è emerso, dal confronto tra le immagini estrapolate dai sistemi di videosorveglianza, posti lungo il percorso seguito dal furgone incendiato, e la testimonianza resa da un benzinaio presente lungo tale tragitto, che il genitore nel pomeriggio del 23 dicembre scorso, aveva acquistato circa 2 euro di benzina versate all´interno di una bottiglia.

Articoli simili

Posta un commento