Totò, ‘A livella

Totò, ‘A livella

                                SALVINOCAVALLARORUBRICANUOVA Rubrica “Incontri”

Salvino Cavallaro

                  ‘A Livella

Ogn’anno, il due novembre, c’é l’usanza
per i defunti andare al Cimitero.
Ognuno ll’adda fà chesta crianza;
ognuno adda tené chistu penziero.
Ogn’anno, puntualmente, in questo giorno,
di questa triste e mesta ricorrenza,
anch’io ci vado, e con dei fiori adorno
il loculo marmoreo ‘e zi’ Vicenza.

St’anno m’é capitato ‘navventura…
dopo di aver compiuto il triste omaggio.
Madonna! si ce penzo, e che paura!,
ma po’ facette un’anema e curaggio.

‘O fatto è chisto, statemi a sentire:
s’avvicinava ll’ora d’à chiusura:
io, tomo tomo, stavo per uscire
buttando un occhio a qualche sepoltura.

“Qui dorme in pace il nobile marchese
signore di Rovigo e di Belluno
ardimentoso eroe di mille imprese
morto l’11 maggio del’31”

‘O stemma cu ‘a curona ‘ncoppa a tutto…
…sotto ‘na croce fatta ‘e lampadine;
tre mazze ‘e rose cu ‘na lista ‘e lutto:
cannele, cannelotte e sei lumine.

Proprio azzeccata ‘a tomba ‘e stu signore
nce stava ‘n ‘ata tomba piccerella,
abbandunata, senza manco un fiore;
pe’ segno, sulamente ‘na crucella.

E ncoppa ‘a croce appena se liggeva:
“Esposito Gennaro – netturbino”:
guardannola, che ppena me faceva
stu muorto senza manco nu lumino!

Questa è la vita! ‘ncapo a me penzavo…
chi ha avuto tanto e chi nun ave niente!
Stu povero maronna s’aspettava
ca pur all’atu munno era pezzente?

Mentre fantasticavo stu penziero,
s’era ggià fatta quase mezanotte,
e i’rimanette ‘nchiuso priggiuniero,
muorto ‘e paura… nnanze ‘e cannelotte.

Tutto a ‘nu tratto, che veco ‘a luntano?
Ddoje ombre avvicenarse ‘a parte mia…
Penzaje: stu fatto a me mme pare strano…
Stongo scetato… dormo, o è fantasia?

Ate che fantasia; era ‘o Marchese:
c’o’ tubbo, ‘a caramella e c’o’ pastrano;
chill’ato apriesso a isso un brutto arnese;
tutto fetente e cu ‘nascopa mmano.

E chillo certamente è don Gennaro…
‘omuorto puveriello…’o scupatore.
‘Int ‘a stu fatto i’ nun ce veco chiaro:
so’ muorte e se ritirano a chest’ora?

Putevano sta’ ‘a me quase ‘nu palmo,
quanno ‘o Marchese se fermaje ‘e botto,
s’avota e tomo tomo.calmo calmo,
dicette a don Gennaro:”Giovanotto!

Da Voi vorrei saper, vile carogna,
con quale ardire e come avete osato
di farvi seppellir, per mia vergogna,
accanto a me che sono blasonato!

La casta è casta e va, si, rispettata,
ma Voi perdeste il senso e la misura;
la Vostra salma andava, si, inumata;
ma seppellita nella spazzatura!

Ancora oltre sopportar non posso
la Vostra vicinanza puzzolente,
fa d’uopo, quindi, che cerchiate un fosso
tra i vostri pari, tra la vostra gente”

“Signor Marchese, nun è colpa mia,
i’nun v’avesse fatto chistu tuorto;
mia moglie è stata a ffa’ sta fesseria,
i’ che putevo fa’ si ero muorto?

Si fosse vivo ve farrei cuntento,
pigliasse ‘a casciulella cu ‘e qquatt’osse
e proprio mo, obbj’…’nd’a stu mumento
mme ne trasesse dinto a n’ata fossa”.

“E cosa aspetti, oh turpe malcreato,
che l’ira mia raggiunga l’eccedenza?
Se io non fossi stato un titolato
avrei già dato piglio alla violenza!”

“Famme vedé.-piglia sta violenza…
‘A verità, Marché, mme so’ scucciato
‘e te senti; e si perdo ‘a pacienza,
mme scordo ca so’ muorto e so mazzate!…

Ma chi te cride d’essere… nu ddio?
Ccà dinto, ‘o vvuo capi, ca simmo eguale?…
…Muorto si’tu e muorto so’ pur’io;
ognuno comme a ‘na’ato é tale e quale”.

“Lurido porco!…Come ti permetti
paragonarti a me ch’ebbi natali
illustri, nobilissimi e perfetti,
da fare invidia a Principi Reali?”.

“Tu qua’ Natale… Pasca e Ppifania!!!
T”o vvuo’ mettere ‘ncapo…’int’a cervella
che staje malato ancora è fantasia?…
‘A morte ‘o ssaje ched”e?…è una livella.

‘Nu rre, ‘nu maggistrato, ‘nu grand’ommo,
trasenno stu canciello ha fatt’o punto
c’ha perzo tutto, ‘a vita e pure ‘o nomme:
tu nu t’hè fatto ancora chistu cunto?

Perciò, stamme a ssenti… nun fa”o restivo,
suppuorteme vicino-che te ‘mporta?
Sti ppagliacciate ‘e ffanno sulo ‘e vive:
nuje simmo serie… appartenimmo à morte!”

Andando in questi giorni al cimitero per deporre sulla tomba dei miei cari genitori un fiore e una preghiera, sono stato assalito più d’una volta da pensieri che si rivolgono al senso della vita, al suo significato e su ciò che è il mio rapporto con gli altri. Sono momenti in cui ti fai mille domande che spesso passano come acqua sotto i ponti perché, purtroppo, restano sempre irrisolte. E allora mi viene in mente la conduzione del nostro quotidiano in una società che invoglia alla superbia, al classismo, ad un continuo sgomitare per arrivare prima degli altri anche con mezzi non proprio leciti, all’invidia dell’uno verso l’altro ed a tanti altri aberranti atteggiamenti che ci distolgono dal fatto che nessuno di noi è eterno e che non vale la pena di tirare fuori da noi stessi il peggio che c’è. Tu perché sei più colto, tu perché hai fatto una grande carriera e hai raggiunto l’apice della tua professione, tu che hai un tenore di vita superiore alla media e ti dissoci da chi non è stato abbastanza bravo per diverse situazioni di vita a raggiungere il tuo stesso livello, crei inevitabilmente un separatismo di classe. L’ha scritto il Conte De Curtis in arte Totò, in quella sua ‘A Livella, che tante volte abbiamo letto e poi anche sentito recitare. Un classico della letteratura italiana che è senza tempo, che non passerà mai di moda per il suo significato profondo che mette in luce l’essenza egoistica della persona, sempre pronta a fare un netto distinguo tra classi sociali, tra ricco e povero, tra aristocratici e ceti medio bassi. Ma quando diciamo solo a parole che siamo per un livellamento di rapporti umani e sociali, ecco che mentiamo a noi stessi mettendo in atto la finzione, l’ipocrisia a cui ricorriamo spesso quando non possiamo essere sinceri e dire ciò che pensiamo veramente. E’ l’eterna lotta di questa frenetica vita che non ci esorta mai a pensare che tutto finisce, e che lì, in quel luogo chiamato cimitero in cui tutti noi andiamo da vivi per onorare il ricordo dei nostri cari defunti, un giorno ci saremo anche noi. E’ un po’ quello che ha scritto Totò, che camminando tra le tombe del cimitero s’imbatte in due ombre; il Marchese signore di Rovigo e di Belluno che apre la surreale discussione lamentandosi con fare polemico che la salma del netturbino – tale Gennaro Esposito – sia stata deposta accanto alla sua. E mentre il netturbino all’inizio assume quasi un atteggiamento accondiscendente, quasi mortificato dinnanzi all’ombra del marchese, tira poi fuori la sua saggezza e ammonisce il borioso nobile del fatto che, indipendentemente a ciò che si era in vita, col sopraggiungere della morte si è tutti uguali. “Sti ppagliacciate ‘e ffanno sulo ‘e vive: nuje simmo serie…..appartenimmo à morte!”.

Salvino Cavallaro

Articoli simili

Posta un commento