Coronavirus, Formica: “Troppa gente in giro”. Disposti controlli e pronte restrizioni

Coronavirus, Formica: “Troppa gente in giro”. Disposti controlli e pronte restrizioni

Quello che è accaduto nel fine settimana è inaccettabile e rischia di vanificare mesi di sforzi che la comunità milazzese ha affrontato con grande senso di responsabilità”.
Il sindaco Giovanni Formica è particolarmente arrabbiato per quanto accaduto nel fine settimana che ha fatto registrare la presenza di tantissime persone in giro.
“Le fotografie circolate sui social non lasciano spazio a dubbi o a letture diverse – afferma il primo cittadino -. Sin qui abbiamo fatto la scelta di non emanare provvedimenti restrittivi, come pure altri comuni hanno fatto, perché i nostri concittadini si sono dimostrati seri ed osservanti delle regole. Ovviamente è comprensibile il desiderio di uscire, specie col bel tempo, ma è evidente che la fase 2 è stata scambiata per un pieno ritorno alla normalità. Questo non lo possiamo consentire per rispetto a tutti quelli che continuano a rimanere in casa e ai commercianti, ai ristoratori, ai titolari, in generale, di attività commerciali, che tengono le saracinesche abbassate e le dita incrociate, in attesa di potere tornare a vivere.

Proprio loro – prosegue Formica – sono i più esposti al rischio che, comportamenti irresponsabili possano fare partire un contagio che sin qui Milazzo, per fortuna, non ha conosciuto.

Non amo gli atti di forza, ma ho dato mandato alla Polizia Municipale di intensificare i controlli e di elevare verbali a tutti, compresi i genitori dei tanti ragazzi minorenni che, senza dispositivi di protezione, fanno gruppo sulla spiaggia o in Marina Garibaldi. Il passaggio successivo, se le cose continueranno in questo modo, sarà un’ordinanza che vieti qualunque attività su spiagge e terrapieni, così come sulla passeggiata a mare.

Rompere un patto di fiducia che ha funzionato sarebbe una sconfitta per tutti, ma non possiamo mettere in pericolo la vita delle persone sol perché alcuni sconsiderati hanno deciso di fare di testa loro”.

Articoli simili

Posta un commento