Attività della Polizia di Stato a Messina e Provincia

Attività della Polizia di Stato a Messina e Provincia

Barcellona P.G. Esecuzione di misura cautelare. In carcere il pusher arrestato pochi giorni fa dalla Polizia di Stato.

Era stato arrestato pochi giorni fa in flagranza di reato dai poliziotti del Commissariato di Barcellona Pozzo di Gotto. MIRABILE Bernardo, 61enne barcellonese con precedenti specifici, era stato trovato in possesso di 22 grammi di cocaina, 32 grammi di sostanza da taglio, un bilancino, un coltello e materiale per il confezionamento delle singole dosi, nonché della somma di denaro pari a 8.990 euro, ritenuta provento dell’attività illecita.

Ieri, lo stesso personale ha dato esecuzione alla misura cautelare emessa dal Tribunale di Barcellona P.G. con la quale è stato disposto il trasferimento in carcere del sessantunenne presso la casa circondariale di quel centro.

Nella stessa giornata di ieri, i poliziotti del Commissariato di Barcellona P.G. hanno proceduto altresì alla denuncia in stato di libertà per il reato di ricettazione di due cittadini di nazionalità rumena. I due viaggiavano a bordo di un’autovettura all’interno della quale i poliziotti hanno rinvenuto e sequestrato prodotti alimentari di cui i successivi accertamenti hanno confermato la provenienza furtiva. Quanto sequestrato è stato infatti per lo più trafugato in alcuni supermercati locali e di Milazzo.

La Polizia di Stato blocca automobilista ubriaco. Aveva appena tamponato un’altra autovettura ed era scappato senza prestare soccorso.

E’ stato rintracciato e bloccato dai poliziotti delle Volanti lungo il Viale della Libertà, visibilmente ubriaco, tanto da necessitare l’intervento di personale sanitario. L’uomo, 44 anni, nato in Montenegro, con numerosi precedenti di polizia, aveva da poco investito un’altra autovettura lungo il Viale Regina Elena, dileguandosi dopo l’impatto.

Sottoposto ad accertamenti presso l’ospedale Piemonte, il montenegrino è risultato positivo ai test per stabilire il tasso alcolemico giudicato ben superiore a quanto consentito dalle vigenti normative del Codice della Strada.

Si è proceduto pertanto alla denuncia in stato di libertà per i reati di guida in stato di ebbrezza, omissione di soccorso e lesioni colpose. La vittima del tamponamento ha riportato lesioni – giudicate guaribili in gg.7 – per le quali è stato necessario il trasferimento in ospedale.

L’auto del quarantaquattrenne è stata sottoposta a fermo amministrativo ed affidata in giudiziale custodia. Al suo interno gli agenti hanno rinvenuto un bottiglione di vino da due litri quasi del tutto vuoto.

Articoli simili

Posta un commento