DROGA: LA DCSA PUBBLICA LA RELAZIONE ANNUALE 2020 CON I DATI DELLA LOTTA ALLA DROGA DEL 2019

DROGA: LA DCSA PUBBLICA LA RELAZIONE ANNUALE 2020 CON I DATI DELLA LOTTA ALLA DROGA DEL 2019

 La Direzione Centrale per i Servizi Antidroga pubblica la sua “Relazione Annuale”, nella quale vengono illustrati attività e risultati ottenuti l’anno precedente nella lotta al traffico illecito delle sostanze stupefacenti nel nostro Paese.

Dai dati elaborati risulta come sia proseguita serrata l’azione di contrasto al narcotraffico svolta dalle Forze di Polizia, con un costante numero delle operazioni antidroga e delle denunce all’Autorità Giudiziaria. I sequestri di droga mostrano un vistoso aumento per la cocaina (+127,61%), con la quota record delle 8 tonnellate sottratte al mercato illegale, il quantitativo più alto dal 2010 ad oggi. Aumentano anche i sequestri di droghe sintetiche, dato che ne conferma la crescente diffusione, soprattutto tra i più giovani.

Dei denunciati per reati concernenti gli stupefacenti, il 39,45% è costituito da stranieri, in maggioranza di nazionalità marocchina, albanese, nigeriana, gambiana, tunisina e senegalese.

Si registra anche un lieve incremento dei minori segnalati all’Autorità Giudiziaria, per la maggior parte italiani e coinvolti, per lo più, nella cessione dei derivati della cannabis (hashish e marijuana) Crescono, per il terzo anno consecutivo, le morti per overdose riferite a tutte le droghe, che nell’anno sono state 373, con un aumento dell’11,01% rispetto al 2018.

Altro tema di interesse riguarda le “rotte” del narcotraffico, che però non presentano elementi di novità. Il business della droga si conferma essere il più redditizio per le organizzazioni criminali, n’drangheta calabrese in testa e l’attività di contrasto antidroga resta il più incisivo strumento per colpire la forza di queste organizzazioni criminali e la complessa filiera che ruota intorno a tali traffici.

Sotto il profilo del contrasto al narcotraffico è ormai consolidato come sia indispensabile unire le forze e sviluppare indagini “congiunte” tra le polizie dei vari Paesi: per questo durante il 2019 si è dato grande impulso ai rapporti ed alla collaborazione internazionale. In questo ambito, per la cooperazione nella lotta al traffico illecito di sostanze stupefacenti, psicotrope e loro precursori sono stati firmati il Protocollo tra il Dipartimento della Pubblica Sicurezza ed il Comando dell’Intelligence Navale della Marina Militare della Repubblica di Colombia ed il Protocollo d’Intesa tra lo stesso Dipartimento e la Direzione Nazionale per il Controllo delle Droghe della Repubblica Dominicana.

Sotto il profilo della collaborazione interistituzionale, il 2019 è anche l’anno dei progetti “ICARUS” ed “Hermes”, avviati dalla DCSA con il Dipartimento per le Politiche Antidroga della Presidenza del Consiglio dei Ministri. “ICARUS” è dedicato ad implementare le attività di contrasto e di prevenzione antidroga, soprattutto per la popolazione giovanile ed il mondo della scuola. In questo ambito, si evidenzia l’organizzazione presso il Centro Congressi dell’Università Cattolica del Sacro Cuore, del Workshop “droghe sintetiche e nuove sostanze psicoattive. uno scenario in evoluzione: dalle amfetamine al fentanil”, occasione, per gli operatori di settore in ambito giuridico e medico-scientifico intervenuti, di reale approfondimento, confronto e condivisione di conoscenze ed esperienze fino ad oggi maturate sulle nuove sostanze psicoattive e, in particolare, sul fentanil e suoi derivati. “Hermes”, sottoscritto l’anno scorso, si pone l’obiettivo di fronteggiare l’importazione e la commercializzazione delle sostanze stupefacenti, soprattutto sintetiche, attraverso il monitoraggio e il controllo delle spedizioni postali di corrieri pubblici e privati.

La Relazione Annuale, è consultabile sui siti della Polizia di Stato e della Direzione Centrale per i Servizi Antidroga (https://antidroga.interno.gov.it/), unitamente ad una sintetica scheda riassuntiva dei dati e dei risultati.

What do you want to do ?

New mail

Articoli simili

Posta un commento