Falsi dentisti, l’app ufficiale

Falsi dentisti, l’app ufficiale

Per scovarli sbarca su Apple Store – Cresce rapidamente l’iniziativa “DentistInApp” della Federazione nazionale dei medici e odontoiatri presentata a Roma nelle settimane scorse

Immagine incorporata 1 Immagine incorporata 2
Un’app ufficiale per scovare i 15mila falsi dentisti che in Italia fanno affari a discapito di pazienti inconsapevoli, esercitando la professione senza autorizzazione e in modo del tutto abusivo: è lo scopo dell’iniziativa “DentistInApp” voluta dalla Federazione nazionale dei medici e odontoiatri (FNOMCeO-CAO) che sta riscuotendo ampio consenso a tutela della categoria e della salute orale. Da pochi giorni, l’applicazione, già disponibile per i sistemi operativi Google-Android, è scaricabile anche su tutti gli apparecchi Apple (iPhone, iPad e iPod touch) gratuitamente dall’App Store.

“L’obiettivo è raggiungere il numero massimo di utenti – evidenza il dott. Giuseppe Renzo, presidente nazionale Cao (Commissione Albo Odontoiatri) promotore del progetto – basterà qualche clic, comodamente dal proprio smartphone o ipad per verificare se un dentista è regolare e, in caso negativo, denunciare alle autorità competenti (Guardia di Finanza e Nas) coloro che si spacciano per operatori sanitari, soprattutto in regioni come Lombardia, Piemonte, Veneto, Campania, Sicilia, Emilia Romagna e Lazio, le più colpite dal fenomeno dell’abusivismo odontoiatrico”.

Colossale anche il giro d’affari legato a questo reato: secondo i dati dei Carabinieri del NAS diffusi a dicembre, l’attività operativa ha portato, da gennaio a novembre 2017, al sequestro di strutture e materiali per un valore di 19.161.200 €, che, sommati ai quasi 70 milioni di euro dei sequestri del biennio precedente, 2015-2016, danno una cifra che supera i 90 milioni di euro. A fronte di queste cifre da capogiro, appaiono ancor più sproporzionate le sanzioni: 154.900 € nei primi 11 mesi del 2017, poco più di 455mila nel biennio precedente, circa lo 0,7%.

“I dati sono dirompenti – aggiunge Renzo – se quello dei sequestri è il valore degli investimenti che gli abusivi fanno, immaginiamo i guadagni, ovviamente illeciti e quindi ‘in nero’. Per questo, la nostra App rappresenterà un prezioso ponte tra pazienti truffati e Forze dell’Ordine”.

DentistiInApp, presentata qualche settimana fa a Roma nella sede della FNOMCeO-CAO, contiene una serie di informazioni utili, in continuo aggiornamento, per migliorare i rapporti tra il cittadino, gli odontoiatri e la Commissione Albo Odontoiatri. E’ divisa in due sezioni e consente di utilizzare una molteplicità di strumenti utili agli utenti anche per aumentare il livello della salute del cavo orale.

Articoli simili

Posta un commento